Coppa Italia: il Pordenone sfiora l’impresa. L’Inter passa ai rigori

Coppa Italia: il Pordenone sfiora l’impresa. L’Inter passa ai rigori

Pochi tifosi del Pordenone dimenticheranno la partita di ieri contro l’Inter, e in particolar modo quel momento in cui – durante la sequenza dei calci di rigore – i neroverdi per una tornata sono stati addirittura in vantaggio.

Battere l’Inter a San Siro avrebbe avuto del clamoroso e sarebbe stato di fatto uno di quegli eventi calcistici che sarebbero entrati a buon diritto nella storia del calcio, ma così non è stato. I friulani hanno dato il tutto per tutto ed escono sconfitti da San Siro senza nulla da recriminare, ma con la certezza di aver accarezzato per un secondo un sogno.

La cronaca della partita

Uno Spalletti che evidentemente sottovaluta gli avversari schiera l’Inter B (Handanovic, Borja Valero, Perisic, Brozovic, Candrea e Icardi partono dalla panca) mentre Colucci ripropone per la terza volta l’11 che ha fatto fuori Cagliari, Vicenza e Lecce.

Quella che per i nerazzurri doveva essere una sgambata d’allenamento si trasforma ben presto in partita vera, mai scorretta ma maschia, con il Pordenone che nell’arco dei 90 minuti colpisce un palo e in un paio di altre occasioni impensierisce seriamente Padelli. Certo, c’è stata anche tanta Inter, pericolosa in molteplici circostanze col giovane Karamoh e poi con Icardi, subentrato insieme a Perisic e Brozovic per innalzare il livello tecnico della squadra.

Il Pordenone tiene botta, arriva ai supplementari spompato ma resiste i 30 minuti extra sfoggiando un esempio da manuale di 6-4-0 catenacciaro d’altri tempi, e costringe la capolista della Serie A alla lotteria dei rigori.

Dagli 11 metri, non sono sufficienti neanche i primi 5 tiri per decretare il vincitore. Per il Pordenone segnano Burrai, Magnaghi e Stefani, sbagliano Misuraca e Lulli. Inter a segno con Brozovic, Perisic e Icardi; ciccano Skriniar e Gagliardini. Ciurria (P) segna e per la prima volta i neroverdi sono in vantaggio a San Siro; pareggia Vecino (I), sbaglia Parodi (P). Nagatomo ha fra i piedi la palla della qualificazione, che non fallisce.

L’Inter si qualifica, al Pordenone vanno i complimenti.

Leave a Reply