15a di A: Inter da sola al comando. Miracolo a Benevento

15a di A: Inter da sola al comando. Miracolo a Benevento

Dopo la vittoria della Juve sul Napoli nell’anticipo del venerdì sera, l’Inter era costretta a vincere per agguantare la vetta in solitaria. Le romane tengono il passo e il Milan comincia l’era Gattuso con l’ennesimo passo falso. A Benevento è solo 2-2 con un gol del pari che è già leggenda.

L’Inter gregaria è diventata anche bella

Se c’è un complimento che bisogna fare all’Inter di quest’anno, è di non aver mai mollato. Partita in sordina all’inizio del campionato, dopo 15 giornate risulta tutt’ora l’unica imbattuta e da un paio di partite ha iniziato a far vedere anche un bel gioco. Il secco 5-0 (tripletta di Perisic, Skrinar e il solito Icardi) rifilato al Chievo ne è la riprova, ed il primo posto in classifica è assolutamente meritato.

Anche Roma e Lazio approfittano della caduta della capolista, battendo rispettivamente Spal e Sampdoria. I giallorossi chiudono la pratica in meno di un’ora mandando a segno Dzeko (19′), Strootman (32′) e Pellegrini (53′). Inutile la rete di Viviani al 55′, dopo un rigore respinto.

La Lazio batte a domicilio una buona Sampdoria che riesce a tenere la testa della partita per 80 minuti. La rete di Zapata al 59′ viene pareggiata da Milinkovic-Savic al 79′. Il gol dell’1-2 finale lo sigla Caicedo un minuto dopo lo scadere del tempo regolamentare.

Il portiere Brignoli regala il primo punto al Benevento

Ma le emozioni più forti della giornata si sono vissute probabilmente allo stadio Vigorito di Benevento, dove la squadra di casa scendeva in campo potendo vantare un record davvero poco invidiabile: con 14 sconfitte nelle prime 14 giornate di campionato, mai nessuna squadra in Europa aveva fatto peggio.

E l’avversario di ieri era anche temibile, quel Milan sulla cui panchina sedeva per la prima volta Gattuso che forse ha sottovalutato lo spirito degli avversari. Al 95′ siamo sul 2-1 per i rossoneri (38′ Bonaventura, pareggia Puscas al 50′, poi Kalinic al 57′). Punizione dalla sinistra battuta da Cataldi, salgono tutti per l’assalto finale, e sale anche il portiere. Sarà proprio lui, Alberto Brignoli di anni 26 a trovare la spizzata giusta e a regalare ai suoi tifosi il pareggio e il primo, storico, punto del Benevento in Serie A.

Una magia, nella città della strega.

 

Leave a Reply